Trasloco in America

La seducente prospettiva del “sogno americano” è un motivo che da solo è sempre stato più che sufficiente agli italiani per emigrare in questa terra delle opportunità. Se state accarezzando l’idea di un trasloco in America, qui su Sirelo potete ottenere tutte le informazioni che vi occorrono. Inoltre, attraverso il nostro servizio gratuito, potete richiedere sino a 5 preventivi alle ditte di trasloco specializzate con cui cooperiamo, ricevendo una risposta in tempi rapidi. Qui di seguito, trovate l’elenco degli argomenti principali trattati su questa pagina:

Trasferirsi in America

Visto: tante tipologie per ogni situazione

La prima cosa che è necessario procurarsi prima di pianificare il vostro trasloco in America è il Visto, in quanto obbligatorio per tutti i cittadini stranieri che si recano nel Paese. Si distinguono due macro-categorie di visti: i visti non immigranti ed i visti immigranti. I primi consentono di soggiornare negli Stati Uniti entro un periodo di tempo determinato, mentre i secondi sono rivolti a coloro che desiderano stabilirsi in modo permanente.

Recentemente, gli Stati Uniti hanno dato vita al “Visa Waiver Program”: si tratta di un programma che consente da alcune categorie di viaggiatori di viaggiare senza visto, ovviamente a determinate condizioni e per un periodo non superiore ai 90 giorni. Si estende a tutte le nazioni partecipanti, di cui fa parte anche l’Italia.

Per saperne di più, occorre esaminare attentamente il sito dell’ambasciata americana con sede a Roma, in quanto i visti sono tanti e tutti diversi a seconda del vostro obiettivo e della durata del vostro soggiorno. Potete inoltre trovare informazioni più dettagliate sui requisiti necessari per rientrare nel programma “Visa Waiver Programme”.

Social Security Number: il Codice Fiscale Americano

Il vostro trasloco in America diventa definitivo una volta richiesto il Social Security Number (SSN). Si tratta dell’equivalente del nostro codice fiscale italiano, ed è fondamentale per una serie di aspetti legati alla quotidianità: aprire un conto corrente, richiedere una carta di credito, ottenere un contratto di lavoro, ricevere la fornitura di gas ed elettricità, fare la dichiarazione dei redditi. Per ottenerlo, occorre presentarsi al Social Security Office con i seguenti documenti:

Comunque, è meglio portare con sé tutti i documenti che attestino la vostra identità ed il vostro diritto a permanere e lavorare in America. Per approfondire, consultate il sito.

trasloco in America

Trasloco in America: a quanto ammonta?

Il prezzo di un trasloco negli Stati Uniti può essere molto elevato, tuttavia considerate che i costi possono subire importanti oscillazioni a seconda della distanza, dell’entità del carico e se il trasporto avviene via terra o via mare. In via ipotetica, un trasloco comprensivo di scatole con effetti personali e alcuni mobili con partenza da Roma e destinazione New York ammonta intorno ai 1400 € – 2000 € se si opta per il trasporto vi mare, diversamente via aerea si spende circa 2500 € – 3400 €.

Invece, sempre considerando la stessa distanza, i prezzi presentano importanti variazioni se state organizzando un trasloco in America del vostro intero appartamento, anche perché l’unica modalità di trasporto possibile in questo caso è quello via mare. Ad esempio, movimentare un appartamento con due stanze da letto viene tra i 3700 € ed i 5100 €, mentre per un appartamento con tre stanze da letto è necessario almeno un budget attorno ai 6200 € – 8500 €.

Tagliare i costi sul trasloco: qualche accorgimento importante

Il trasloco in America, in quanto internazionale, risulta alquanto dispendioso, tuttavia, con qualche piccolo espediente, è possibile ridimensionare un po’ la spesa da sostenere.

Innanzitutto, stilare un inventario di ciò che è necessario portare può essere di grande aiuto nello scegliere cosa è davvero necessario portare e cosa invece lasciare o vendere. In questo modo, non si rischia di spendere inutilmente denaro sul trasporto di beni che non si intende utilizzare.

Ancora, è possibile contenere i costi occupandosi personalmente dell’imballaggio, procurandosi inoltre da sé tutto il materiale in negozi specializzati oppure addirittura gratuitamente presso esercizi commerciali che non se ne servono più.  Tuttavia, tenete presente che, oltre a richiedervi molto tempo, una simile soluzione può rivelarsi alquanto rischiosa, in quanto gli imballaggi non sono professionali e il materiale scelto potrebbe non essere molto adatto.  E’ dunque consigliabile rivolgersi ad un’azienda specializzata nel trasloco internazionale che può garantire materiale d’imballo resistenti e operazioni di imballaggio efficienti.

Inoltre, incide in modo rilevante sul costo del vostro trasloco in America la scelta della ditta di trasloco: ad esempio, un’azienda che effettua il trasloco oltremare senza appoggiarsi ad altre aziende operanti nella logistica internazionale richiede senz’altro un prezzo un po’ più basso per il servizio.

Infine, assicuratevi che la ditta da voi scelta fornisca un servizio di groupage: consiste nel raggruppare più partite accomunate da una stessa destinazione e trasportarle in un’unica tratta. Così, il costo della distanza si riduce in quanto ripartito tra tutti i proprietari dei vari carichi.

Risparmia il 40% sul tuo trasloco!
Richiedi 5 preventivi gratis

Emigrare in America: cosa non dimenticare

Un’organizzazione accurata del trasloco in America include anche una serie di adempimenti burocratici necessari per stabilirsi nel Paese in pianta stabile. Qui è riportata una panoramica dei documenti fondamentali:

  • Sistema sanitario: quest’ultimo è sempre stato al centro di una serie di battaglie politiche all’interno del Governo Americano. Si compone di un settore pubblico e di un settore privato. Il primo, finanziato con i soldi dei contribuenti, include due programmi di assistenza sanitaria: il Medicare, che copre le spese sanitarie dei cittadini al di sopra dei 65 anni, e il Medicaid per i meno abbienti. Tenete presente però che entrano a far parte di questo programma solo coloro che presentano un reddito estremamente basso, pertanto non è prevista copertura sanitaria statale per le classi medie. Di conseguenza, si consiglia caldamente di stipulare un’assicurazione sanitaria col settore privato, anche se la permanenza negli Stati Uniti dovesse essere breve. Il settore privato, infatti, offre una serie di polizze assicurative: alcune di queste vengono negoziate col datore di lavoro, che per garantirle detrae le quote direttamente dallo stipendio (Ulteriori informazioni).
  • AIRE: l’acronimo sta per “Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero”, e tutti gli italiani che risiedono all’estero per più di un anno sono obbligati ad iscriversi. Sul sito del consolato italiano con sede a New York trovate tutto ciò che è necessario sapere, dalla documentazione da presentare ai vantaggi legati a quest’iscrizione.
  • Riconoscimento dei titoli di studio: è necessario convertire i propri titoli di studio o professionali conseguiti in Italia, in modo che siano accettati dal sistema americano e poter così proseguire gli studi o accedere al mercato del lavoro. Inoltre, non solo non esiste una normativa che permetta una equiparazione immediata dei titoli di studio italiani a quelli statunitensi, ma la procedura in merito varia da Stato a Stato e, nel caso di prosecuzione degli studi, da università a università. In ogni caso, i titoli di studio devono essere riconosciuti da una “Evaluation Service Agency” americana legalmente riconosciuta (come la World Education Service a New York). Ulteriori dettagli e approfondimenti circa i requisiti le procedure da seguire possono essere reperiti dal sito dello USNEI (United States Network for Education Information) e dal sito ufficiale dell’Ambasciata o al Consolato USA in Italia competente per territorio. Qui potete inoltre trovare i recapiti dell’Ufficio Riconoscimento Titoli di Studio, che risponde all’ambasciata italiana con sede a Washington.
  • Patente di guida: fino al 2014, circolare per l’America con la patente di guida italiana era possibile. Ora, invece, la normativa è cambiata, in quanto adesso la decisione di riconoscere o meno la patente italiana è demandata ad ogni singolo Stato in America. Alcuni Stati, infatti, richiedono di affiancare alla licenza italiana il permesso internazionale di guida: tuttavia, anche il riconoscimento di quest’ultima dipende da alcune condizioni fondamentali, quali il tempo ed il tipo di visto. In generale, dunque, per soddisfare le richieste delle singole legislature, è preferibile procurarsi la patente di guida internazionale. Se siete alla ricerca di maggiori informazioni sul permesso internazionale di guida e sulla documentazione necessaria per richiedere la patente internazionale, cliccate qui.
  • Banca: per aprire un conto corrente in America, è necessario recarsi fisicamente nella filiale della banca prescelta e presentare il Social Security Number, un documento che attesti la vostra residenza nel paese, un documento d’identità, dettagli del vostro datore di lavoro e referenze negli Stati Uniti. Le banche sono tante e caratterizzate da un’ampia varietà d’offerte, pertanto è consigliabile valutarle tutte per scegliere quella che fa al caso vostro. Qui potete trovare ulteriori informazioni sul sistema bancario, mentre su questo link trovate un approfondimento circa le tipologie di conto più diffuse in America: conto checking e conto saving.
  • Sistema fiscale: in America, l’imposizione fiscale si articola su tre livelli: federale, statale e municipale. Le persone fisiche che sono residenti fiscalmente in America sono sottoposte alla tassazione sul reddito secondo il principio del worldwide income: ovvero viene tassato il reddito qualunque ne sia la fonte ed in qualsiasi parte del mondo venga prodotto. Invece, le persone fisiche non residenti sono tassate solo sul reddito di provenienza statunitense. (Per approfondire).

trasferirsi negli Stati Uniti

Traslocare con i vostri amici a 4 zampe: organizzarsi per tempo

L’ingresso di animali domestici negli Stati Uniti non è impossibile, tuttavia è sottoposto a dei controlli molto rigidi. Per questo è necessario organizzarsi tempestivamente e munirsi di tutti i documenti necessari. Prima di partire, assicuratevi che il vostro animale sia munito di:

  • Certificato di buona salute: viene rilasciato dalla ASL dopo un’accurata visita dell’animale. Nel caso non riusciate a fissare con la ASL un appuntamento per la visita, potete far visitare il vostro amico a quattro zampe dal vostro veterinario di fiducia e farvi rilasciare il certificato di buona salute, che deve essere però convalidato dalla ASL entro le 48 ore successive.
  • Certificato di Vaccinazione antirabbica: assicuratevi che la data di vaccinazione sia superiore ai 20 giorni ed inferiore ad un anno dalla data di partenza per gli Stati Uniti prevista.
  • Certificato Sanitario per l’Esportazione: viene rilasciato dall’Azienda Sanitaria Locale (ASL) di competenza territoriale una volta presentati i due documenti di cui sopra. Deve essere redatto sia in Italiano che in Inglese, e contiene tutte le informazioni relative all’animale e alle sue condizioni di salute. Ha una validità di 6 giorni, pertanto assicuratevi di farvelo rilasciare tre o quattro giorni prima della partenza.

Per ulteriori informazioni circa le procedure da seguire e la documentazione, consultate il sito dell’Ambasciata statunitense in Italia, nella pagina dedicata al trasporto degli animali dall’Italia agli Stati Uniti.

Nell’organizzare il vostro trasloco in America, informatevi anche sulle compagnie aeree che ammettono animali a bordo e sui regolamenti previsti in tal senso. Una di queste è American Airlines, che offre un servizio di trasporto degli animali in stiva (qui potete visionare la pagina specifica presente sul sito ufficiale), e Pet Airways: quest’ultima è una compagnia aerea che ammette a bordo solo animali, e proibisce dunque la presenza del padrone a bordo.

Data la complessità delle pratiche burocratiche e delle modalità di trasporto, la cosa migliore è comunque rivolgersi ad una ditta specializzata nel trasloco internazionale che offra anche un servizio di trasloco di animali domestici fuori Europa. Infatti, oltre ad avere grande familiarità con tali regolamenti, garantiscono al vostro amico a quattro zampe un viaggio confortevole e senza stress.

trasloco a Miami

Costo della vita: le città più note

L’America è in generale nota per via dal suo elevato tenore di vita; tuttavia, tenete presente che, data la vastità del Paese, possono riscontrarsi delle variazioni nel costo della vita non indifferenti da una città all’altra. La tabella sottostante mette a confronto le città più popolose e note d’America, e dà un’idea generale del budget necessario per viverci. Tenete presente che si tratta di cifre generali che non tengono conto delle specifiche esigenze e dello stile di vita di ciascun individuo. Questi due fattori, infatti, hanno un ruolo importante nell’oscillazione dei costi di vita.

Costo della vitaAffitto mensileStipendioSicurezzaQualità della vitaTrasporto pubblico
New York   3300 € 2133 € 4320 € Nella media Buona 2,50 €
Miami 1890 € 1520 € 1880 € Eccellente Eccellente 2,10 €
Chicago2250 € 1432 € 3312 € Buona Buona 2, 90 €
Los Angeles 1600 € 1400 € 2400 € Nella media Buona 2,4 €

Chiedete un preventivo gratis

State programmando un trasloco in America? Chiedete un preventivo gratis attraverso il nostro servizio: è facile e non richiede più di un minuto o due. Riceverete sino a 5 preventivi da parte di aziende specializzate nel trasloco internazionale.