Trasloco in Argentina

Qui puoi trovare informazioni utili su come organizzare un trasloco in Argentina e sui relativi prezzi. Inoltre puoi leggere quali sono i tipi di Visto che puoi richiedere, puoi ottenere informazioni dettagliate sulla dogana argentina e scoprire quali sono le 5 cose che dovrai fare una volta fatto il trasloco in Argentina.

Prezzo di un trasloco in Argentina

Il costo di un trasloco in Argentina può variare sensibilmente, in quanto dipende dal volume del tuo trasloco (calcolalo con la nostra calcolatrice per volume traslochi) e dalla distanza in km. Qui, a livello puramente indicativo, si considera il trasferimento di alcuni pacchi e mobili, di un monolocale e di un trilocale da Roma a Buenos Aires, via mare o via aerea. 

Tipo di traslocoVia mareVia aerea
Alcuni pacchi e mobili1100 € – 1900 € / 6-10 settimane2200 € – 3600 € / 7-11 giorni
Monolocale2300 € – 3900 € / 6-10 settimane5600 € – 9200 € / 7-11 giorni
Trilocale5300 € – 8800 € / 4-6 settimane                           –

Leggi la nostra pagina riguardante il prezzo di traslochi internazionali se desideri avere informazioni più dettagliate. Segui inoltre i nostri 5 consigli per organizzare un trasloco internazionale al meglio.

Ottieni maggiori informazioni sui container per trasporti internazionali, utilizzati da molti italiani nel trasloco in Argentina.

trasloco in Argentina

Visto in Argentina:

Tipi di Visto

In quanto Paese extraeuropeo, i cittadini italiani residenti stabilmente o per un periodo di tempo limitato devono essere in possesso di un visto. Se ne distinguono varie tipologie, a seconda dell’obiettivo che si intende perseguire dopo il trasloco in Argentina:

  • Visto turistico: della durata di 90 giorni, può essere richiesto quando vi trovate ancora in Italia, al consolato argentino in Italia, oppure direttamente in Argentina all’aeroporto o alla frontiera. E’ sufficiente presentare il passaporto valido da almeno sei mesi e il modulo di richiesta del visto. E’ possibile prorogare questa tipologia di visto per almeno altri tre mesi.
  • Visto per residenza temporanea: La residenza temporanea in ambito lavorativo e/o professionale è rivolta a lavoratori a contratto, studenti, chi gode di una rendita e investitori.
  • Visto per residenza permanente: Rientrano tra gli aventi diritto ad una residenza permanente i genitori i cui figli siano argentini o stranieri già residenti, il coniuge di un argentino o di uno straniero già residente, il figlio di padre o madre argentina, il figlio di padre o madre già residenti se minore di ventuno anni se nubile/celibe.

Ti consigliamo di contattare l’Ambasciata argentina a Roma per ulteriori chiarimenti circa i costi e le varie tipologie di visto che fanno al caso tuo.

Dogana Argentina:

5 cose che devi sapere

  1. Lista dei beni traslocati: Redigi una lista indicante tutti i beni contenuti nei container in spagnolo. Tutti gli articoli devono essere usati ed in possesso da almeno un anno, diversamente saranno soggetti al pagamento di dazi che possono essere elevati e  possono causare ritardi nello sdoganamento. Tieni anche presente che solo un articolo elettronico principale e’ ammesso (es. un televisore, una lavatrice un frigorifero, ecc.) e non sono ammessi  medicinali e computers/televisori nuovi. Inoltre, grosse quantità di alimentari verranno confiscate.
  2. Richiedi DNI (Documento Nacional de Identitad): è l’equivalente argentino della carta d’identità italiana. E’ rilasciato dal RENAPER (Registro Nazionale delle persone) e per ottenerlo devi avere una residenza temporanea o permanente in Argentina. Senza il DNI non puoi spedire i tuoi beni nei container quindi è necessario richiederlo prima del trasloco. Leggete informazioni più approfondite sul DNI e sulla documentazione necessaria per ottenere la residenza temporanea.
  3. Documenti richiesti alla dogana: Tutti i documenti richiesti (passaporto in corso di validità, certificato di nascita, certificato penale) vanno vidimati con l’Apostille della Convenzione dell’Aia, prima di essere tradotti in spagnolo, questa Apostille in genere viene rilasciata nelle Prefetture e nei Tribunali.  La traduzione deve essere legalizzata e riconosciuta dal Governo Argentino o dal Consolato Argentino in Italia.
  4. Arrivo dei beni alla dogana: Tutti i tuoi beni possono arrivare tre mesi prima del tuo arrivo in Argentina o al massimo sei mesi dal tuo arrivo. Se desideri diversamente puoi chiedere un permesso speciale all’Agenzia della Dogana e Monopoli argentina.
  5. Operazione doganale: È necessario che tu sia presente alla dogana insieme alla ditta di traslochi per firmare la documentazione richiesta.

trasloco in Argentina

Trasferirsi in Argentina:

5 cose da fare appena arrivati in Argentina

  1. Richiedi il TIN (Tax Identification Number): è il corrispondente del codice fiscale italiano, ed è un numero identificativo per ogni contribuente che paga le tasse. Per ottenerlo, bisogna fare domanda al AFIP (Amministrazione federale delle entrate pubbliche), personalmente o tramite terzi, muniti di copia del passaporto, certificato rilasciato dal NMD (Direzione Nazionale delle Migrazioni) e modulo di archiviazione 160 / F. (Per approfondire).
  2. Richiedi il CUIL (Codice Unico di Identificazione al Lavoro): è un codice che viene assegnato ad ogni lavoratore dipendente. Permette di usufruire di servizi di sicurezza sociale e di una serie di agevolazioni. Consultate il sito della Social Security Administration per ulteriori dettagli circa il procedimento da seguire per ottenerlo.
  3. Assicurazione sanitaria: il sistema sanitario in Argentina si sviluppa su tre livelli: il settore pubblico, il settore privato e il settore della sicurezza sociale (Obras Sociales). Usufruiscono dell’ultima copertura sanitaria i lavoratori statali che sono iscritti alle organizzazioni sindacali argentine dei lavoratori. Tutti i settori del sistema sanitario sono sotto il controllo del Ministero dalla Salute e dell’Azione Sociale (MSAS). Negli ultimi anni, tuttavia, il sistema è stato soggetto a numerosi cambiamenti, pertanto la cosa migliore è reperire informazioni approfondite sul sito ufficiale del Consolato Generale d’Italia di Buenos Aires, nella pagina dedicata all’assistenza sanitaria prevista per i cittadini italiani residenti all’Estero.
  4. Iscrizione all’AIRE: tutti i cittadini italiani residenti all’estero per un periodo superiore ai 12 mesi sono obbligati ad iscriversi all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE). Trovate maggiori dettagli sul sito della Farnesina.
  5. Banca: per aprire un conto corrente, non esiste una procedura guidata uguale per tutte le banche in quanto ogni banca presenta diverse normative. In tutte, comunque, viene sempre richiesto di mostrare un passaporto in corso di validità. La cosa migliore da fare è contattare le banche più note in modo da informarsi sui documenti necessari e sulla valuta più conveniente da scegliere (pesos o dollari USA) per il vostro conto corrente. Trovate una lista delle principali banche argentine con relativo sito web e loro contatti.

Trasporta la tua auto in Argentina

Per poter trasportare la tua auto in Argentina è necessario che tu ne sia proprietario da almeno 12 mesi. Inoltre non potrai rivenderla per un periodo di 12 mesi dopo lo sdoganamento. Tieni presente inoltre che dovrai trasportare la tua auto entro 6 mesi dal tuo arrivo in Argentina.

Documenti da presentare alla dogana

Per poter trasportare la tua auto in Argentina dovrai presentare alla dogana i seguenti documenti:

  • Passaporto
  • Copia del libretto
  • Certificato di residenza in Brasile
  • Certificato di proprietà  dell’auto
  • Fattura di acquisto dell’auto che dimostri l’acquisto nei 12 mesi precedenti
  • Copia della polizza di carico sulla quale viene riportato il numero di telaio del veicolo

Chiedi un preventivo gratis

Chiedi un preventivo e confronta le varie offerte proposte dal nostro servizio. Porterà via solo un minuto o due del tuo tempo ed in tempi celeri riceverai fino a 5 preventivi da parte di ditte che operano nell’ambito del trasloco internazionale. Segui i nostri consigli sulle cose importanti da considerare quando si richiede un preventivo.